Bollettino Informativo ENS

Primo piano

Ecco il nuovo Bollettino Informativo ENS n. 5 del 7 maggio 2018. Andiamo ad approfondire insieme diversi argomenti: Mutui Agevolati, Informazioni utili, Pensione di Sordità e Maggiorazione Sociale della Pensione.

MUTUI AGEVOLATI

Pochi giorni fa, esattamente il 24 aprile, è stato pubblicato sul nostro sito un comunicato con in allegato l'elenco delle Banche che nel 2018 erogano mutui agevolati a particolari categorie sulla base dell'accordo siglato tra la CDP (Cassa Depositi e Prestiti) e ABI (Associazione Banche Italiane). Andiamo a capire cosa vuol dire.

Cos’è l’agevolazione

L'agevolazione in questione consiste in uno sconto dello 0,224% rispetto al tasso di interesse in vigore nel momento in cui si richiede il mutuo.

Chi può richiedere l’agevolazione

Possono richiedere l’agevolazione:
- giovani coppie di coniugi o conviventi che siano nucleo familiare da almeno 2 anni, con età max 35/ 40 anni al momento della domanda di finanziamento;
- il componente di un nucleo familiare di cui fa parte almeno un soggetto disabile riconosciuto L.104/92;
- famiglie numerose (con tre o più figli).

L’esistenza dei requisiti richiesti deve essere attestata con una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi dell'articolo 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.Questa dichiarazione si fa generalmente in Comune; nelle grandi città, invece, in Circoscrizione o presso un Notaio.

Quali tipi di mutuo si possono richiedere

Ecco l’elenco dei tipi di muto che si possono richiedere:

- fino a 250 mila euro per l'acquisto della prima casa (preferibilmente appartenenti alle classi energetiche A, B, C);
- fino a 100 mila euro per interventi di ristrutturazione con accrescimento dell'efficienza energetica (nel senso del risparmio energetico) della casa;
- fino a 350 mila euro per acquisto e ristrutturazione contemporanee con accrescimento dell'efficienza energetica della casa.

La richiesta di mutuo per una delle tre tipologie, deve essere presentata direttamente presso le Banche indicate nell'elenco pubblicato sul sito dell'ENS.

IMPORTANTE: le Banche potrebbero avere disponibili anche altre offerte per gli stessi tipi di mutuo, magari più vantaggiose o con requisiti migliori; è sempre opportuno, quindi, prima di decidere, valutare tutte le possibilità e le offerte presenti in quel momento sul mercato.

DOVE TROVARE INFORMAZIONI UTILI

Ricordiamo che sul sito del Ministero del Lavoro, www.cliclavoro.gov.it, sono presenti molte info utili, come: offerte/ opportunità di lavoro pubblico e privato, formazione, bandi e concorsi, incentivi e finanziamenti per start up ed imprese, leggi e novità sul mondo del lavoro, in Italia e all'estero. Le notizie sono anche divise per area geografica, offrendo informazioni specifiche per Nord, Centro e Sud Italia.

PENSIONE DI SORDITÀ

La pensione di sordità è una prestazione assistenziale che spetta a chi è stata riconosciuta una sordità congenita o acquisita durante la crescita, ai sensi della L.381/70. Se viene riconosciuta la sordità e non si supera il tetto di reddito stabilito per l'anno in corso, il pagamento della pensione decorre dal mese successivo a quello della presentazione della domanda.

Quanto spetta

La pensione è erogata entro limiti di reddito personale stabiliti ogni anno (per il 2018 il limite è di 16.664,36 euro) e anche in caso di ricovero in un istituto pubblico che provvede al sostentamento della persona sorda.
La pensione è pagata per 13 mensilità. Per il 2018 l'importo è di 282,55 euro mensili. Il primo pagamento considera i redditi presunti dichiarati dell'anno in corso. La pensione, in condizioni particolari di reddito, può aumentare di un importo mensile stabilito dalla legge (maggiorazione).

Decadenza

A partire da 65 anni e 7 mesi la pensione di sordità viene sostituita con l'assegno sociale.

Requisiti

Hanno diritto alla pensione i sordi che soddisfano i seguenti requisiti sanitari e amministrativi:
- persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni e 7 mesi;
- persone con sordità congenita o acquisita durante la crescita (fino a 12 anni) con ipoacusia (pari o superiore a 75 decibel di Hearing Threshold Level di media tra le frequenze 500, 1000, 2000 Hz nell'orecchio migliore) che rende o ha reso difficile l'apprendimento del linguaggio parlato;
- stato di bisogno economico: non superare il tetto di reddito sui indicato ; 
- i cittadini italiani;
- i cittadini stranieri comunitari iscritti all'anagrafe del comune italiano di residenza;
- i cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno di almeno un anno di cui all'articolo 41 del TU immigrazione, anche se sprovvisti di permesso di lungo soggiorno;
- chi ha residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.

La pensione è compatibile con tutte le prestazioni a carattere diretto (sanitarie sociali ecc.) e con l'invalidità di guerra, di lavoro o di servizio. È inoltre compatibile con le pensioni sia da lavoro che da altre invalidità.

Quando fare domanda

Prima di fare domanda di riconoscimento della sordità è necessario richiedere al proprio medico di base il rilascio del certificato medico introduttivo. A partire dal 4 luglio 2009, non si può presentare nuova domanda se c'è una domanda precedente in corso o se è stato fatto ricorso giudiziario e si attende una sentenza definitiva. Si possono presentare solo le domande di aggravamento dei malati oncologici.

Come fare domanda

La domanda deve essere presentata all'INPS online tramite PIN con il codice identificativo del certificato medico. In caso di minore il PIN deve essere quello del minore. Si può fare domanda. direttamente oppure tramite l 'ENS in quanto associazione di categoria riconosciuta, attraverso i servizi telematici offerti.
L'iter di riconoscimento, se positivo, si conclude con l'invio da parte dell'INPS del verbale di riconoscimento della sordità, tramite raccomandata A/R o all'indirizzo PEC, se fornito dall'utente, e resta disponibile nella cassetta postale online.
Una volta ottenuto il verbale di riconoscimento della sordità ai sensi della L.381/70 bisogna fare la richiesta di erogazione della pensione ( e dell'indennità di comunicazione) compilando il MOD AP70 online direttamente sul sito dell'INPS .

MAGGIORAZIONE SOCIALE DELLA PENSIONE

L'importo base della maggiorazione sociale della pensione prevista dalla Legge 448/2001 (che spetta anche per la pensione di sordità) è corrisposto per 13 mensilità e dipende dall'età del pensionato.

Gli importi per il 2018 sono:
- 5,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni;
- 82,64 euro al mese per chi ha un'età tra i 65 e i 69 anni;
- oltre i 70 anni d'età c'è il cosiddetto "incremento al milione" che consente di arrivare a una prestazione mensile sino a 643,86 euro (per l'anno 2018).

Per ottenere la maggiorazione sociale, il pensionato non deve superare un determinato limite di reddito che per il 2018 è il seguente:
- pensionato non coniugato: limite reddito annuo 5.824,29 euro;
- pensionato coniugato: limite reddito 11.649,82 euro.

La domanda va inoltrata direttamente on line all'INPS compilando il mod. AP11

Visualizza gli allegati:
pdfBollettino_Informativo_ENS_n._5_del_7_maggio_2018