Presentato a Roma il progetto SOS Sordi

Sos Sordi

Roma 22 giugno 2013 – Si è svolto oggi presso la Sede Centrale dell’Ente Nazionale Sordi – Onlus la presentazione del progetto “SOS SORDI”, finalizzato a rendere le persone sorde autonome nell’affrontare situazioni di emergenza mediante l’utilizzo delle nuove tecnologie. In sinergia con gli Affari Generali del Ministero degli Interni l’ENS ha sviluppato un’applicazione che consentirà di inviare richieste di emergenza che sfruttino i nuovi sistemi di geolocalizzazione, con la possibilità di aggiungere informazioni alla richiesta, come ad es. dettagli per facilitare l’individuazione del richiedente e la necessità di avere un supporto alla comunicazione con interprete di lingua dei segni.

L’evento di presentazione, moderato dal dott. Amir Zuccalà – Uff. Progetti della Sede Centrale ENS – è stato aperto dai saluti del Segretario Nazionale Dott. Costanzo Del Vecchio che ha dato il benvenuto e ringraziato gli ospiti d’eccezione presenti in aula, il Prefetto Dott. Luigi Mone, Direttore Centrale degli Affari Generali della Polizia di Stato, intervenuto in rappresentanza del Capo della Polizia Direttore Generale Pubblica Sicurezza Paolo Pansa; il Dott. Fabio Sucato del team di lavoro della Dott.ssa Milena D’Arienzo, coordinatrice del progetto presso gli Affari Generali del Ministero degli Interni e la Dott.ssa Antonella Corrado, Direttore Marketing, Area Istituzionale e Progetti Speciali di ACI Global.

Il Consigliere Direttivo ENS Cav. Giuseppe Corsini, responsabile dell’Area Multimedia e promotore del progetto, anche alla presenza del Consiglio Direttivo e dei Presidenti Regionali ENS, ha illustrato in dettagli obiettivi del progetto, che in questa prima fase andrà attivato sul territorio con specifici protocolli di intesa con le Prefetture, e prevede successive implementazioni. La Dott.ssa Corrado ha poi illustrato i servizi di assistenza erogati da ACI Global, sia quelli attualmente in essere che quelli futuri, e che vedranno una piena integrazione con il progetto SOS SORDI e una semplicità di gestione dovuta alla presenza di centrali operative già centralizzate e dedicate alla gestione delle emergenze stradali. ACI è una realtà importante che ha già una connessione operativa molto stretta con la Polizia di Stato sul territorio e vanta anche con l’ENS diversi progetti, tra cui ricordiamo quelli dedicati alla formazione del personale presso gli Uffici Provinciali ACI.

Ha preso poi la parola il Prefetto Dott. Luigi Mone che ha confermato piena disponibilità alla collaborazione per gli sviluppi del progetto, testimoniando l’impegno delle istituzioni al fianco delle categorie più svantaggiate ed evidenziano le positive sinergie di intenti delle tre realtà istituzionali coinvolte, che fanno convergere in un’unica direzione: le esigenze delle Forze di Polizia e dell’ACI nel migliorare e facilitare i rapporti con i cittadini sordi e la gestione delle emergenze, e dell’ENS nel dare alle persone sorde una maggiore autonomia e una migliore qualità della vita. Ha evidenziato altresì che il progetto si pone come immediata realizzazione di un processo più ampio e complesso che sta impegnando l’Italia in un compito di unificazione e dialogo interforze per l’adozione del numero unico europeo di emergenza 112. Il Dott. Sucato ha rinnovato l’impegno dell’Ufficio Affari Generali nel lavorare in stretta collaborazione con l’ENS e l’ACI per trovare tutte le soluzioni tecniche atte a facilitare la realizzazione del progetto. Al termine degli interventi il Presidente Nazionale ENS Giuseppe Petrucci ha ringraziato i relatori per l’impegno delle Istituzioni coinvolte e per l’enorme rilevanza di iniziative come questa, volta ad abbattere sempre più le barriere della comunicazione. Il Presidente Petrucci e il Consigliere Corsini hanno, a testimonianza dell’urgente necessità di garantire piena autonomia ai cittadini sordi, riportato aneddoti personali riferiti proprio alle difficoltà di comunicazione e accesso all’informazione in situazioni di difficoltà, dalla più semplice ai casi di emergenza vera e propria.

A conclusione della presentazione è stato consegnato un ricordo dell’ENS agli illustri relatori e un augurio di buon lavoro a tutte le Istituzioni coinvolte.